Notiziario Economico Farnesina
Informazioni per le imprese selezionate quotidianamente dalla rete delle Ambasciate e dei Consolati d'Italia all'estero (254 Uffici commerciali), a cura dell'Ufficio Sostegno Imprese della Farnesina.
ULTIME NOTIZIE vai-Torna all'elenco

14/03/2012 - 07:51

Senegal: Banca Mondiale finanzia sviluppo rete elettrica

   
   
DAKAR - (Il Sole 24 Ore Radiocor) - Dakar, 14 mar - E' di prossima pubblicazione da parte della Banca Mondiale un progetto che prevede lo sviluppo del settore dell'energia elettrica in Senegal. Il programma, denominato Electricity Sector Support Project (Essp), dovrebbe essere approvato entro breve e prevede l'esborso di 80 milioni di dollari attraverso un prestito con maturita' di 40 anni con incluso periodo di grazia di 10 anni, in favore della Societe' Nationale d'Electricite' du Senegal (Senec) che gestisce la rete elettrica del Pasese. Gli obiettivi del piano sono il potenziamento e il miglioramento delle reti elettriche di distribuzione nell'area di Greater Dakar e sara' effettuato in stretta collaborazione tra la SENEC ed i partner del settore privato internazionale. Nel Paese, che soffre di una carenza strutturale di energia, accanto a Senec, che dispone di una capacita' installata di 478 Megawatt basata su una serie di impianti alimentati a diesel e gas, operano due produttori indipendenti di energia: General Electric/Gti e Kounoune power, una joint venture tra Ifc, Mitsubishi e la Matelec affiliata al gruppo libanese Doumet. Operano con due impianti rispettivamente di 56 e 67 Megawatt. Senec riceve anche 66 Megawatt dalla diga di Manantali nel Mali (che ha una potenza complessiva di 200Megawatt). Nel Paese sono in atto diversi progetti per lo sfruttamento di biocarburanti ed e' stato avviato un impianto sperimentale per la produzione di etanolo dalla canna da zucchero. Infine la svedese Nycomb Syenrgetics ha allo studio una centrale a carbone da 125 Megawatt. www.ambdakar.esteri.it
RICERCA
Per data:
dal:
al:
Per area geografica:
 
Per parola chiave:
 
Newsletter quindicinale a cura del Ministero degli Affari Esteri e de Il Sole 24 ORE Radiocor Agenzia di Informazione.